Blog: http://ilcielosoprakabul.ilcannocchiale.it

Domenica delle salme



Qualche piccola considerazione sulla terribile e angosciante tragedia avvenuta stamattina in Abruzzo:
1. Una tra le cose che ci si augura è che la politica non si metta a litigare su 150 ( e anche di più ) morti, molti dei quali bambini. C'è bisogno di unità e di fermezza d'animo. Ora più che mai le liti tra forze politiche sarebbero inutili. Abbiamo vissuto nella storia recente tragedie enormi e se c'è qualcosa che abbiamo imparato è che la contrapposizione futile tra le varie istituzioni è solo d'intralcio all'aiuto verso le vittime. Di un altra Irpinia non abbiamo bisogno.
2. Obama e Medvedev sono stati i primi due capi di stato che hanno offerto aiuto all'Italia per risolvere i problemi legati ai soccorsi e alla ricostruzione. Ora che ci vengono offerti da altri i mezzi per scacciare la terrbile incombenza degli aiuti immediati qualcuno venga pure a dirmi che il governo segue una politica estera di merda, che siamo lo zimbello del mondo... i leader dei due paesi più influenti del mondo non ci offrirebbero il loro aiuto se così fosse.
3. L'ignoranza e la superficialità dei telegiornalisti è inquietante. Stamattina un programma di approfondimento mattutino su Raiuno ha mandato in onda alcune interviste elefoniche per capire meglio da inviati e gente del posto quello che stava succedendo. Ecco qualche chicca del giornalista:

INTERVISTA A UN SOPRAVVISSUTO:
- Domanda: 'Ma lei dov'era al momento della tragedia?'.
- Risposta: 'Dormivo...'.
( E dove cazzo doveva essere alle 3.30 del mattino, emerito minchione? )

INTERVISTA ALL'INVIATA DEL CORRIERE, FIORENZA SARZANINI:
 - 'Fiorenza, è anche crollata la casa dello studente. Alcuni sono ancora intrappolati sotto le macerie perchè non sono ancora arrivati i soccorsi. E' vero?'
( No, non è vero. Sono ancora intrappolati là sotto perchè stanno giocando a nascondino... ).

Sono rimasto senza parole. Bisognerebbe farli tornare alle scuole medie, questi sedicenti 'giornalisti'!
4. La gravità del terremoto in Abruzzo è dovuta innanzitutto alla scarsità di edifici costruiti con criteri antisismici. E questa politica della sicurezza edilizia è stata ostacolata soprattutto da chi pensa di più alla tutela e alla mantenzione degli edifici storici e dei beni culturali del nostro Paese che a quella delle vite di tanti cittadini, fratelli nostri. A queste persone solo una parola: vergognatevi. Perchè, se dipendesse da me, raderei al suolo tutti 'gli edifici storici' d'Italia potenzialmente soggetti a crollo in caso di sisma pur di salvare anche solo una vita.
5. Ore 22.30: la tv comincia già a parlare di sciacalaggi da parte di ignoti, già identificati e arrestati dalle forze dell'ordine, verso le case abbandonate. La mia soluzione è uguale a quella che ho espresso per quanto riguarda il caso Battisti: esporli alla pubblica piazza e lasciare che la folla faccia di loro quello che meglio crede.
6. AGGIORNAMENTO: Ieri sera doveva andare in onda il Grande Fratello su Canale5. Invece c'è stato uno speciale del Tg5 e di Matrix sul terremoto a L'Aquila. Caso-Eluana docet. Chi doveva capire ha capito.

Scontata la mia profonda solidarietà a tutte le vittime.

Francesco

Pubblicato il 6/4/2009 alle 21.31 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web